Contratto di Locazione Transitoria

Canone Libero

Come Funziona il Contratto Transitorio

Il Contratto di Locazione di natura Transitoria è un accordo che permette di affittare un immobile per un periodo limitatodata una specifica esigenza “transitoria”. Il Contratto Transitorio viene stipulato quando vi sono particolari esigenze lavorative o di salute, riconducibili al Locatore o al Conduttore.

Cosa contiene il Contratto Transitorio

Il Contratto di Locazione Transitoria di DokiCasa, redatto da esperti Legali, soddisfa i requisiti di legge, indicando:

  • dati anagrafici di Locatore e Conduttore;
  • la descrizione dell’immobile, i dati catastali e la presenza di eventuali pertinenze;
  • la durata della locazione, l’importo del canone, delle spese mensili e della cauzione;
  • i dettagli riguardo la transitorietà del Contratto e se essi dipendono o meno dal Proprietario.

Puoi personalizzare il Contratto inserendo garanzie accessorie, il preavviso per il recesso dal Contratto, l’adesione alla cedolare secca etc…

Canone Contratto Transitorio

Il canone di locazione del Contratto Transitorio è libero, ad eccezione dei comuni con un numero di abitanti superiori ai 10.000, ovvero i comuni per i quali vige un accordo territoriale, come ad esempio l’area metropolitana di Roma, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Torino, Bari, Palermo e Catania ed i capoluoghi di provincia dove è presente un accordo territoriale.

Cerchi il Contratto Transitorio a Canone Concordato? Clicca qui.

Durata e Rinnovo Affitto Transitorio

La durata del Contratto di locazione transitoria varia fino ad un massimo di 18 mesi.

Non è possibile rinnovare automaticamente il Contratto Transitorio, ma nel caso in cui si mantenga l’esigenza transitoria, sarà possibile stipularne uno nuovo.

Un’ulteriore possibilità è quella di comunicare all’altra parte (tramite raccomandata), prima della scadenza del contratto stesso, il perdurare dell’esigenza transitoria, dando così luogo ad una proroga del contratto.

Disdetta Locazione Transitoria

Trascorso il termine concordato tra le parti, la locazione transitoria si ritiene conclusa senza necessità di alcuna comunicazione.

Il Proprietario non potrà recedere anticipatamente, mentre il Conduttore potrà farlo solo in caso di “gravi motivi“. La normativa stabilisce tuttavia un limite minimo di tempo entro cui il soggetto deve fornire la comunicazione al Locatore (via raccomandata), che potrà essere liberamente convenuto tra le parti.

Registrazione e regime di Cedolare Secca

La registrazione del Contratto di Locazione Transitoria è obbligatoria e deve essere effettuata entro 30 giorni dalla data di stipula del Contratto, o dalla data di decorrenza (se anteriore). Le spese per la registrazione, che non sono dovute con il regime di cedolare secca, sono ripartite equamente tra Locatore e Conduttore.

Applicazione della Cedolare nel Contratto Transitorio

Il Locatore può esercitare l’opzione per la cedolare secca, con aliquota al 21%, che in caso di canone concordato scende al 10%. 

Cerchi il Contratto Transitorio a Canone Concordato? Clicca qui.

Modello Contratto Transitorio

"Contratto scaricato in 5 minuti, ho acquistato anche la firma e la registrazione, consigliato!"
Elsa P.
Proprietario
"Risparmio di tempo, contratto compilato in 5 minuti in formato Word e PDF."
Grimaldi Oltrepocase
Agenzia

INFORMAZIONI UTILI

Canone Libero o Concordato

Quando si decide di stipulare un Contratto Transitorio, una prima importante verifica da effettuare è quella di appurare se l’immobile oggetto della locazione sia situato in un comune con numero di abitanti superiore a 10.000, ovvero dove sono stati stipulati accordi territoriali. In tal caso il canone non potrà essere stabilito liberamente.

Cerchi il Contratto Transitorio a Canone Concordato? Clicca qui.

Normativa ed Informazioni del Contratto Transitorio

Normativa di riferimento: Legge 9 Dicembre 1998, n.431

Altri modi per chiamare il Documento:

  • Contratto di Affitto a medio termine
  • Contratto di Affitto temporaneo

PREZZI

Singolo Contratto €19

I prezzi si intendono IVA esclusa

Sei un’Agenzia o un Professionista Immobiliare? Scarica Contratti e Documenti senza limiti a solo 169€/anno

ADEMPIMENTI SUCCESSIVI

Un Esperto controlla che il Contratto sia compilato correttamente

Compila una Fidejussione personale per il tuo Contratto di Locazione

Inventario Beni

Redigi la lista dei beni presenti all’interno dell’immobile

Firma Elettronica

Firma e distanza e con validità legale il tuo Contratto di Locazione

Raccomandata Cedolare

Compila la Raccomandata di adesione alla cedolare secca

Registrazione Contratto

Registra all’Agenzia delle Entrate il tuo Contratto di Locazione

DOMANDE FREQUENTI

Quando il Contratto Transitorio diventa 4+4

Il Contratto di Locazione Transitoria si converte in un 4+4 nelle seguenti casistiche:

1. Il Contratto ha durata superiore a 18 mesi;

2. L’immobile oggetto del Contratto è situato in un comune con numero di abitanti superiore a 10.000 ed il canone non è definito all’interno dei valori massimi stabiliti dagli accordi territoriali;

3. Il Contratto non contiene una specifica dichiarazione che individui l’esigenza di transitorietà, che deve essere provata con idonea documentazione da allegare.

Motivazioni di Transitorietà Contratto Transitorio

Esigenze del Locatore

Le motivazioni che giustificano la durata transitoria, da parte del Proprietario, a titolo di esempio, sono le seguenti:

  • presenza di cause di natura legale connesse a divorzi o separazioni;
  • volontà di destinare l’unità immobiliare a uso abitativo o d’attività, per sé o per un familiare, alla scadenza del termine del contratto;
  • necessità di vendere, in tempi brevi, l’immobile;
  • volontà di ristrutturare l’immobile.

Il Locatore non deve allegare al Contratto un giustificativo ma deve, entro il termine della locazione, inviare comunicazione al Conduttore che attesti la permanenza della motivazione di transitorietà.

Esigenze del Conduttore

Le motivazioni comuni che giustificano la durata transitoria, da parte dell’Inquilino, sono le seguenti:

  • attesa di immissione nel possesso di un immobile acquistato o assegnato da un ente pubblico;
  • possesso di un contratto a tempo determinato o di un trasferimento temporaneo, per motivi lavorativi;
  • necessità di prestare cure e/o assistenza a sé o a propri familiari, in una località diversa da quella di residenza;
  • necessità di svolgere lavori di ristrutturazioni nella sua casa.

Il Conduttore deve allegare al Contratto (o inviare al Locatore) un giustificativo che attesti la motivazione indicata nel Contratto. Se ad esempio vengono inserite “esigenze lavorative”, il Conduttore dovrà allegare al Contratto o inviare al Locatore la lettera di assunzione e/o il Contratto di lavoro.

Valutazione 4,6
4.6/5

Affidati a Professionisti, non improvvisare!

0 +
Servizi Online
0 +
Pratiche mensili
0 +
Utenti Registrati

Transitorio Canone Libero